Vai al contenuto pricipale
Oggetto:
Oggetto:

GOVERNANCE INTERNAZIONALE E INTEGRAZIONI REGIONALI

Oggetto:

INTERNATIONAL GOVERNANCE AND REGIONAL INTEGRATION

Oggetto:

Anno accademico 2019/2020

Codice attività didattica
SCP0039
Docente
Umberto Morelli (Titolare dell'insegnamento)
Corso di studio
Corso di laurea magistrale in Scienze internazionali (Classe LM-52)
Anno
1° anno
Tipologia
Affine/Integrativa
Crediti/Valenza
9
SSD attività didattica
SPS/06 - storia delle relazioni internazionali
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Facoltativa
Tipologia esame
Orale
Prerequisiti

Una conoscenza di base della storia contemporanea è auspicabile per una migliore comprensione delle tematiche storiche affrontate a lezione.


Basic knowledge of contemporary history is advisable.

Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

A. Fornire le conoscenze che mettono in grado lo studente di apprendere:

  • il sorgere e lo sviluppo della globalizzazione,
  • la nascita e l'evoluzione dell'organizzazione internazionale,
  • l'istituzione delle organizzazioni regionali e il ruolo da queste giocato in alcuni settori sensibili,
  • gli effetti che l'estendersi della globalizzazione e del regionalismo hanno avuto sulle trasformazioni del sistema internazionale e sullo sviluppo del fenomeno della global governance,
  • l'emergere di culture globali in presenza di contrastanti e complementari forze di omogeneizzazione e eterogeneizzazione che caratterizzano la società contemporanea.

Allo studente saranno altresì fornite le conoscenze sulla storia internazionale degli ultimi sessanta anni necessarie per capire l'evoluzione dei fenomeni sopra ricordati.

Questo obiettivo formativo sarà perseguito attraverso le lezioni frontali.

B. Sviluppare quelle capacità che aiutino lo studente a:

  • capire  l'origine storica, attraverso una adeguata conoscenza del passato, dei problemi che la società internazionale contemporanea deve affrontare,
  • orientarsi consapevolmente nelle complesse problematiche delle relazioni internazionali contemporanee e sapere operare i collegamenti tra i fatti storici presenti e passati,
  • essere consapevole delle sfide poste dalla globalizzazione e dal regionalismo ed essere quindi in grado di valutare criticamente le risposte che la società internazionale fornisce a tali sfide,
  • reperire le fonti storiche di varia natura, bibliografiche e documentarie, in particolare digitali, saperle interpretare e utilizzarle per l'elaborazione di un proprio testo scritto da presentare in aula.

Questo obiettivo formativo sarà perseguito attraverso l'analisi di alcuni case studies significativi e attraverso una didattica che stimoli la partecipazione attiva dello studente.

A. To enable students to reach a good knowledge of:

  • origin and development of globalization,
  • birth and evolution of international organization,
  • establishment of regional organizations and their role in sensitive areas,
  • consequences of globalization and regionalism on international system and global governance,
  • coming to light of global cultures in the face of conflicting and complementary forces of homogenization and heterogenization acting in contemporary society.

Elements of recent contemporary history will be given so that to enable students to understand historical evolution of globalization and regionalism.

This educational aim is pursued through lectures.

B. To develop abilities that enable students:

  • to comprehend the historical roots of issues that  contemporary society has to face, through a good knowledge of the past,
  • to understand the complexity of present international relations and be able to connect present and past historical events,
  • to be aware of the challanges issued by globalization and regionalism,
  • to access bibliographic and documentary sources, to interpret and employ them in drawing up a presentation.

This educational aim is pursued through the analysis of some case studies and teamwork finalised to prepare the presentations of specific topics to the class.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine dell'insegnamento, lo studente dovrà dimostrare di:

  • avere acquisito una buona conoscenza degli argomenti trattati durante le lezioni,
  • possedere gli strumenti utili per capire le dinamiche della società internazionale contemporanea e per orientarsi nella complessità del presente,
  • essere in grado di valutare criticamente gli eventi internazionali, comunicare in forma orale e scritta, possedere autonomia di giudizio e saper elaborare una soluzione personale di fronte a case studies specifici.

By the end of the course, students will be able to demonstrate:

  • a good knowledge of the topics covered during the course,
  • to employ appropriate instruments to understand the trends of  contemporary society,
  • to  critically assess the international political changes, show adequate communication skills and independent judgment, and work out original solutions of international issues.

Oggetto:

Programma

GLOBALIZZAZIONE, REGIONALISMO, GLOBAL GOVERNANCE

 

La globalizzazione: definizione

Cenni sulla storia della globalizzazione pre-moderna

La rivoluzione industriale e l'interdipendenza globale nel secolo XIX; le prime forme di organizzazione internazionale governative e non governative

La globalizzazione nella prima metà del Novecento e l'evoluzione dell'organizzazione internazionale. Dalla Società delle Nazioni all'ONU

Le relazioni internazionali nella seconda metà del Novecento. La formazione del mondo bipolare e la nascita del regionalismo e delle organizzazioni regionali. Nuovi attori delle relazioni internazionali (multinazionali, organizzazioni terroristiche, criminalità organizzata ecc.) e nuove minacce alla sicurezza (militari, economiche, ambientali, sanitarie, demografiche, risveglio dei nazionalismi ecc.)

La fine del bipolarismo e il nuovo regionalismo nell'età post-egemonica. I limiti dell'egemonia solitaria degli Stati Uniti. L'emergere di nuove potenze globali; le trasformazioni in America Latina, Africa, Asia. Verso un mondo multipolare?

L'Unione Europea trendsetter delle integrazioni regionali? L'interregionalismo e le relazioni tra l'UE e le altre organizzazioni regionali in Europa, Asia, Africa e America Latina

Le mutazioni nel sistema internazionale: dal sistema vestfaliano al sistema post-vestfaliano, la crisi dello Stato, della sovranità statale, della democrazia

La global governance: definizione

Il ruolo delle organizzazioni regionali in alcuni settori sensibili (human security, tutela dei diritti umani, nuove minacce alla sicurezza, responsibility to protect) e divisione del lavoro con le organizzazioni internazionali. Stabilità e sicurezza internazionale: UE e NATO

 

GLOBALIZATION, REGIONALISM AND GLOBAL GOVERNANCE

 

What is globalization? Definition and meaning

A historical overview. The Industrial Revolution and the globalization in the 19th century. The birth of international governmental and non-governmental organizations

The globalization in the first half of the 20th century. From the League of Nations to the United Nations

International relations in the second half of the 20th century. Bipolar world, the birth of regionalism and of regional organizations. Non-state actors in international relations (multinational corporations, terrorist groups, organized crime etc.) and new threats to security (military, economic, environmental, health, ethnic conflicts, the resurgence of nationalism)                                                                                                                                                                       

The end of bipolarism and new regionalism in a post-hegemonic age. The limits of the solitary U.S. hegemony. The emerging global powers; political changes in Latin America, Africa and Asia. Towards a multi-polar international system?

The European Union as trendsetter of regional organizations? Interregionalism and relations between the European Union and regional organizations in Europe, Asia, Africa and Latin America

Globalization, regionalism and change in the international system: from the Westphalian to a post-Westphalian system, the crisis of the State, of sovereignty and democracy

Global governance: a definition

Regional organizations and human security, new security threats, humanitarian intervention, responsibility to protect. The division of labour between international and regional organizations. International security: EU and NATO

 

Oggetto:

Modalità di insegnamento

La frequenza non è obbligatoria, anche se raccomandata.

Circa due terzi dell'insegnamento sono dedicati alle lezioni frontali per permettere agli studenti di acquisire le necessarie conoscenze relative all'argomento trattato. Lo studente è comunque sollecitato a intervenire criticamente ponendo domande e sviluppando osservazioni personali.

Sono invitati a tenere lezioni specifiche esperti provenienti dal mondo accademico e da quello professionale.

Un terzo dell'insegnamento è dedicato all'esposizione in aula, in italiano o in inglese, da parte di gruppi di studenti di specifici argomenti concordati con il docente. Ciò permette, oltre che l'acquisizione di conoscenze, di sviluppare particolari competenze trasversali: capacità di lavorare in comune e di leadership; chiarezza espositiva e attitudine a parlare in pubblico; capacità di sintesi (per rispettare il tempo assegnato alla presentazione); capacità critica (in quanto è richiesto di elaborare osservazioni personali e di valutare le fonti utilizzate per l'esposizione). L'esposizione avviene con l'utilizzo di strumenti informatici, che sono poi messi on line per poter essere consultati da tutti gli studenti.

Sono utilizzate come strumenti didattici presentazioni in PPT elaborate dal docente e disponibili on line.

The attendance, although not compulsory, is strongly recommended.

Two thirds of teaching are based on lectures to give students the appropriate knowledge of the topics. Students are stimulated to take the floor and  ask questions. Scheduled lessons with the participation of experts will take place, for the study of specific topics.

One third of teaching is devoted to the presentation to the class of a specific topic, agreed with the professor, by attending students. This activity enables students to acquire knowledge and soft skills: teamwork, commuication and argumentation skills, reasoning, synthesis to manage the time available, critical thinking and independent judgment. Student presentations will be available on line.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento avviene attraverso un esame orale, durante il quale sono poste allo studente due domande relative ai testi studiati e, per gli studenti frequentanti, alla relazione tenuta in aula.

La verifica tende ad accertare le conoscenze acquisite, la capacità di comprensione degli argomenti trattati, la capacità di esposizione chiara e coerente e di operare collegamenti tra i fatti storici, il rigore argomentativo, il senso critico.

Il voto finale, espresso in trentesimi, tiene conto di tutti i parametri sopra elencati.

Per gli studenti disabili sono previste modalità di verifica concordate con gli interessati che tengano conto della loro specifica condizione.

International and Erasmus students may prepare the exam in English or French.

The exam is oral. The assessment takes into account the knowledge and comprehension acquired by students with reference to the textbooks adopted as well as their ability in critical analysis, to express themselves coherently and eloquently, to be able to connect present and past historical events.

Attending and non-attending students will pass a distinct exam based on the textbooks list and the presentation to the class (for attending students).

The book list is articulated distinguishing between attending students (divided between students who will make a presentation, and students who do not make this choice) and non-attending students.

International and Erasmus students may prepare the exam in English or French.

Oggetto:

Attività di supporto

Oltre l'orario delle lezioni, agli studenti è offerta la possibilità di partecipare a un simulation game organizzato, per la durata di un giorno intero, dal docente e dal Movimento Studentesco per l'Organizzazione Internazionale presso il Centro Internazionale di Formazione dell'ILO.

Il simulation game consiste nella simulazione di una sessione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU su un tema specifico. La simulazione è preceduta da una lezione in cui è spiegato il modus operandi del Consiglio di Sicurezza.

Gli studenti, suddivisi nelle varie delegazioni che fanno parte del Consiglio, devono conoscere la posizione dello Stato che rappresentano in merito all'argomento in discussione e approvare una risoluzione finale. Il materiale utile per prepararsi alla simulazione, reperibile on line, è suggerito dal docente e dagli organizzatori.

La partecipazione al simulation game permette lo sviluppo delle capacità di lavoro in gruppo, di negoziazione e di mediazione, di individuazione di una soluzione al problema trattato grazie alla stesura e votazione della risoluzione finale.

La partecipazione non dà diritto al riconoscimento di crediti formativi.

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Per tutti gli studenti frequentanti e non frequentanti:

A.  J. Osterhammel, N. Petersson, Storia della globalizzazione, il Mulino, 2005

B.  M.B. Steger, La globalizzazione, il Mulino 2016

C.  Un volume di natura storico-politologica, relativo alla globalizzazione, al regionalismo, all'organizzazione internazionale e all'attuale disordine internazionale, a scelta fra:

  • D. Archibugi, Cittadini del mondo. Verso una democrazia cosmopolitica, il Saggiatore 2008
  • J. Baylis, S. Smith, P. Owens (eds.), The globalization of world politics, Oxford University Press 2014 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • G. Finizio, E. Gallo (eds.), Democracy at the United Nations. UN reform in the age of globalisation, Peter Lang 2013
  • P. Foradori, G. Giacomello, Sicurezza globale. Le nuove minacce, il Mulino 2014
  • M. Graziano, Geopolitica. Orientarsi nel grande disordine internazionale, il Mulino, 2019
  • D. Held, A. McGrew, Globalismo e antiglobalismo, il Mulino 2010
  • P. Hough, Understanding global security, Routledge, 2013 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • L. Levi, G. Finizio, N. Vallinoto (eds.), The democratization of international institutions, Routledge 2014 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • M. Telò, European Union and new regionalism. Competing regionalism and global governance in a post-hegemonic era, Ashgate 2014 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)

D.  Un volume di natura storica a scelta fra:

  • A.  Iriye (a cura di), Storia del mondo. Il mondo globalizzato dal 1945 a oggi, Einaudi 2014 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • O. Barié, Dalla guerra fredda alla grande crisi. Il nuovo mondo delle relazioni internazionali, il Mulino, 2013
  • M. de Leonardis (a cura di), Effetto Trump? Gli Stati Uniti nel sistema internazionale fra continuità e mutamento, Milano, EDUCatt, Quaderni di Scienze Politiche n. 12, 2017
  • A. Duce, Storia della politica internazionale (1945-2013). Il tramonto degli imperi coloniali, Edizioni Studium, 2013 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • A. Duce, Storia della politica internazionale (1957-2017). Dalle conquiste spaziali al centenario della Rivoluzione d'ottobre, Edizioni Studium, 2019 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • G. Formigoni, La politica internazionale dal XX al XXI secolo, Il Mulino, 2 ed., 2018
  • W.R. Keylor, Un mondo di nazioni. L'ordine internazionale dopo il 1945, Guerini,  2014 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • M. Mugnaini (a cura di), Diplomazia multilaterale e membership ONU. Prospettive di storia delle relazioni internazionali, FrancoAngeli, 2015
  • M. Mugnaini (a cura di), 70 anni di storia delll'ONU 60 anni di Italia all'ONU, FrancoAngeli, 2017
  • A. Polsi, Storia dell'ONU, Laterza 2006
  • B. Reinalda (ed.), Routledge history of international organizations from 1815 to the present day, Routledge 2009 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • S. Rogari, L'età della globalizzazione. Storia del mondo contemporaneo dalla Restaurazione ai giorni nostri, UTET, 3 ed., 2018 (alcuni capitoli a scelta dello studente per un totale di 200 pagine)
  • E. Vanhaute, Introduzione alla World History, il Mulino, 2015

Gli studenti frequentanti che intendono presentare una relazione in aula su un tema concordato con il docente, sostituiscono un libro indicato in C oppure in D con la relazione.

All the students, attending and non-attending:

A.  J. Osterhammel, N. Petersson, Storia della globalizzazione, il Mulino, 2005

B.  M.B. Steger, La globalizzazione, il Mulino 2016

C.  any one of the following:

  • D. Archibugi, Cittadini del mondo. Verso una democrazia cosmopolitica, il Saggiatore 2008
  • J. Baylis, S. Smith, P. Owens (eds.), The globalization of world politics, Oxford University Press 2014 (some chapters amounting to 200 pages)
  • G. Finizio, E. Gallo (eds.), Democracy at the United Nations. UN reform in the age of globalisation, Peter Lang 2013
  • P. Foradori, G. Giacomello, Sicurezza globale. Le nuove minacce, il Mulino 2014
  • M. Graziano, Geopolitica. Orientarsi nel grande disordine internazionale, il Mulino, 2019
  • D. Held, A. McGrew, Globalismo e antiglobalismo, il Mulino 2010
  • P. Hough, Understanding global security, Routledge, 2013 (some chapters amounting to 200 pages)
  • L. Levi, G. Finizio, N. Vallinoto (eds.), The democratization of international institutions, Routledge 2014 (some chapters amounting to 200 pages)
  • M. Telò, European Union and new regionalism. Competing regionalism and global governance in a post-hegemonic era, Ashgate 2014 (some chapters amounting to 200 pages)

D.  any one of the following:

  • A.  Iriye (a cura di), Storia del mondo. Il mondo globalizzato dal 1945 a oggi, Einaudi 2014 (some chapters amounting to 200 pages)
  • O. Barié, Dalla guerra fredda alla grande crisi. Il nuovo mondo delle relazioni internazionali, il Mulino 2013
  • A. Duce, Storia della politica internazionale (1945-2013). Il tramonto degli imperi coloniali, Edizioni Studium, 2013 (some chapters amounting to 200 pages)
  • M. de Leonardis (a cura di), Effetto Trump? Gli Stati Uniti nel sistema internazionale fra continuità e mutamento, Milano, EDUCatt, Quaderni di Scienze Politiche n. 12, 2017
  • G. Formigoni, La politica internazionale dal XX al XXI secolo, Il Mulino, 2 ed., 2018
  • W.R. Keylor, Un mondo di nazioni. L'ordine internazionale dopo il 1945, Guerini, 2014 (some chapters amounting to 200 pages)
  • M. Mugnaini (ed.), Diplomazia multilaterale e membership ONU. Prospettive di storia delle relazioni internazionali, FrancoAngeli, 2015
  • M. Mugnaini (ed.), 70 anni di storia delll'ONU 60 anni di Italia all'ONU, FrancoAngeli, 2017
  • A. Polsi, Storia dell'ONU, Laterza 2006
  • B. Reinalda (ed.), Routledge history of international organizations from 1815 to the present day, Routledge 2009 (some chapters amounting to 200 pages)
  • S. Rogari, L'età della globalizzazione. Storia del mondo contemporaneo dalla Restaurazione ai giorni nostri, UTET, 3 ed., 2018 (some chapters amounting to 200 pages)
  • E. Vanhaute, Introduzione alla World History, il Mulino, 2015

Attending students can prepare a presentation to the class on a specific topic, agreed with the professor.

 

Oggetto:

Note

Erasmus students can agree to study English or French books and to pass the final evaluation in Italian, English or French.

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 06/10/2019 20:21
Location: https://www.didattica-cps.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!