Vai al contenuto pricipale

Tra i motivi che ostacolano l’accesso al lavoro dei laureati italiani emergono con ricorrenza la scarsa conoscenza dei contesti lavorativi, la distanza della formazione universitaria, la mancanza di esperienza.

Il tirocinio curriculare è un’opportunità prevista dalla legge per avvicinare l’esperienza universitaria al lavoro: 150 ore, cioè un mese a tempo pieno o due/tre mesi a tempo parziale, trascorsi lavorando all’interno di un’organizzazione, seguiti da un tutor dell’ente e da un professore del Corso di Laurea, con il riconoscimento di 3 crediti nel percorso accademico.

È un modo per conoscere dall’interno un reale contesto di lavoro, misurandosi con i suoi problemi: capire le attività da svolgere e gli obiettivi da raggiungere, coordinarsi con gli altri, gestire utenti e clienti, utilizzare al meglio le risorse e le tecnologie disponibili, imparare rapidamente come migliorare la propria azione nell’ambito di vincoli e procedure, saper valorizzare ciò che si sa e si fa.

E’ anche un’occasione di crescita culturale, per allargare i propri orizzonti ed aumentare le proprie capacità di decifrare e comprendere prospettive differenti di osservazione e approcci ai problemi anche molto diversi dai nostri.

Una buona esperienza di tirocinio, quindi, è un contatto con la realtà che consente di presentarsi ai successivi appuntamenti di studio e di lavoro con una maggiore capacità di adattamento e di valorizzazione delle proprie capacità o, quanto meno, con una maggiore consapevolezza. 

Il tirocinio può essere svolto nell’ambito di attività e/o di ricerca su cui si pensa di svolgere la tesi di laurea, consentendo di rafforzare la conoscenza del campo specifico. 

Il corso di laurea in Scienze del Governo promuove l’esperienza del tirocinio, offrendo la possibilità di elaborare un progetto formativo presso enti pubblici e privati selezionati di sicuro interesse per le specializzazioni professionali del corso di laurea. Questo non esclude, tuttavia, la possibilità di concordare il tirocinio con un  ente proposto direttamente dal candidato, sulla base di un’ipotesi di lavoro da lui prospettata.

Sulla base degli interessi specifici del candidato e delle effettive necessità e disponibilità dell’ente al momento dell’avvio del tirocinio, verrà concordato uno specifico percorso personalizzato.

L’elenco che segue mostra alcune organizzazioni e alcune attività/ambiti, di carattere  emplificativo, utili a comprendere possibili focus del tirocinio.

Il tirocinio richiede di concordare un progetto formativo personale al fine  di definire gli obiettivi specifici. Ciò richiede di esplicitare i diversi piani su cui si può sviluppare l’apprendimento: le relazioni con l’organizzazione (superiori, colleghi, strumenti di coordinamento e di lavoro), le relazioni con la clientela e/o i destinatari dei servizi, le conoscenze specifiche nell’ambito professionale di attività, le abilità tecnico professionali che servono a svolgere bene un compito di lavoro, i comportamenti lavorativi richiesti in uno specifico ambito/ruolo professionale.

Il corso di laurea in Scienze del Governo, pur accettando possibilità di tirocinio in qualsiasi Ente o Azienda convenzionato con l’Università di Torino e che ne condivida gli obiettivi formativi,  offre specifiche opportunità in Enti che hanno già manifestato disponibilità:

Camera di Commercio industria artigianto e agricoltura di Torino

 cam_comm_torino.jpg

 

 

CCIAA (Torino)

 

Partecipazione ad attività e progetti nelle seguenti aree:

 

CIAC Formazione servizi per il lavoro

CIAC1.jpg

 

CIAC formazione (Canavese).

 

  • Partecipazione a ricerca e analisi sull’evoluzione di profili professionali e fabbisogni formativi nelle aziende della meccanica (stampaggio a caldo), sopravvissute alla crisi e oggetto di recenti interessi
  • Partecipazione ad approfondimenti sull’evoluzione del settore dell’Informatica e dell’ICT a Ivrea e nel Canavese, dove hanno ricoperto un ruolo storicamente importante nel settore dell’Informatica e dell’ICT. Quale domanda di figure e competenze esprimono le imprese oggi?
  • Partecipazione ad approfondimenti sul comparto ristorativo-alberghiero nel Canavese: punti di forza/punti di debolezza e confronto con altre realtà di successo del Piemonte in una prospettiva di sviluppo.

 

 

Unione culturale Antonicelli

 antonicelli.jpg

 

Unione culturale

(Torino)

Partecipazione a fasi di progettazione e organizzazione di eventi (es. conferenze, convegni, spettacoli, seminari, festival, ecc.) promossi dell’Unione Culturale, tra cui ideazione delle attività; cura delle attività di comunicazione, dei contatti con i relatori e i partecipanti agli eventi, collaborazione alla realizzazione pratica dell’evento, valorizzazione della fase post evento, contatti con enti istituzionali privati per ricerca fondi;

                              

Biblioteca Interdipartimentale Gioele Solari

catalogo.jpg

 

 

Biblioteca Interdipartimentale

“Gioele Solari”

(Torino)

 

Conoscenza delle attività e della metodologia di lavoro di una struttura organizzativa complessa quale è quella di una grande biblioteca di università.
Partecipazione alle diverse attività che concorrono al funzionamento della biblioteca, sia nelle attività di back-office che in quelle di front-office.

Tra le attività di back-office la gestione e cura dei fondi moderni, l'ausilio alla catalogazione. Tra le attività di front-office l'orientamento degli utenti e reference di I livello, alla consultazione e ai prestiti. Possibili
attività di aggiornamento delle opere a fogli mobili in lingua straniera.

 

Fondazione Luigi Einaudi Torino

fondaz_einaudi.jpg

 

 

Fondazione Luigi Einaudi

Torino

 

Partecipazione alle attività della biblioteca, inserimento nelle dinamiche relazionali con il personale e con gli utenti, apprendimento di alcune delle tecniche biblioteconomiche.

L’esperienza richiede di imparare ad accogliere l’utente identificandone i bisogni e rispondendo adeguatamente; a consultare e utilizzare i cataloghi on-line, cartacei e a stampa; a eseguire ricerche bibliografiche e compilare bibliografie tematiche.

 

 

Centro Studi Piero Gobetti

 centro_gobetti.jpg

 

Centro Studi Piero Gobetti

Torino

 

Coinvolgimento nel lavoro storico-culturale del Centro ed in particolare nello svolgimento di attività biblioteconomiche e archivistiche.

Inoltre, si prevede lo svolgimento di attività di trascrizioni di testi, compilazioni di bibliografie, ecc.

 

 

 

Unione industriale Torino Confindustria Piemonte Torino

 nione_industriale.jpg

 Unione Industriale di Torino

 confindustria2.jpg

 

 

Confindustria Piemonte

Torino

 

 

Coinvolgimento nelle attività del Centro Studi ed in particolare:

-  Partecipazione a ricerche bibliografiche, approfondimenti e raccolte ragionate di dati per la stesura di report periodici rivolti alle aziende associate e per rispondere a specifiche domande della Direzione legate ad eventi, incontri o a problematiche emergenti. Si tratta di prodotti snelli, sintetici, scientificamente solidi con elevata capacità di analisi e comunicazione;

- Partecipazione a progetti territoriali di ricerca, con indagini presso le imprese, appartenenti a specifici settori/filiere rilevanti in Piemonte, dedicate a rafforzare la conoscenza del mondo delle imprese e delle tendenze che lo attraversano.

 

 

Città di Torino - Circoscrizione 2

 citta_torino.jpg     circoscrizione_2.jpg

 

Città di Torino

Circoscrizione 2

 

Condivisione di un progetto con lla Direzione della Circoscrizione.

Partecipazione alle attività dei tavoli che la Circoscrizione gestisce per favorire il confronto e la partecipazione sul territorio.

Sviluppo di attività di ricerca e approfondimento sulle politiche, al fine di potenziare gli strumenti di analisi e valutazione a disposizione della Circoscrizione e della Città.

 

 

 

 Perché questo strumento?

 Il tirocinio curriculare rappresenta uno strumento di formazione culturale e sul lavoro. Tuttavia può essere interpretato sia dall’allievo che dall’ente in modo riduttivo, senza cogliere il potenziale di apprendimento che deriva dall’esperienza.
Per ridurre questo rischio, il Corso di Laurea in Scienze del Governo ha introdotto, per i propri tirocini curriculari, l’obbligo da parte dell’allievo di accettare e di restituire compilato per la discussione con il tutor alla fine del tirocinio un breve questionario di autovalutazione, che mira a esplicitare gli ambiti formativi dell’esperienza.

 Scaricare e compilare il modulo di autovalutazione: AUTOVALUTAZIONE FINALE TIROCINIO

Ultimo aggiornamento: 21/09/2018 23:32
Location: https://www.didattica-cps.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!